Marco Leti's Blog

10 marzo 2010

AMICI DI ZAGAROLO, Vi presento Marco LETI

Filed under: Benvenuto — marcoleti @ 4:44 pm

 

Per raccontarvi chi è Marco, devo raccontarvi la sua storia.

Una storia che ha del miracolo ed il suo ricordo è ancora vivo nella mente di tutti coloro che hanno permesso che questo miracolo avvenisse e dimenticando dissapori, differenze, difficoltà, si sono unite e all’unisono, con grande gesto di umanità e solidarietà, sono corse in aiuto alla famiglia Leti. Queste persone ancora rammentano il terrore e lo sgomento negli occhi di mamma Lucia e papà Americo, ancora ricordano il coraggio e la forza di un bambino la cui tragedia straziava i cuori, ancora ricordano il lenzuolo bianco che aveva coperto quel corpicino dilaniato dalle ferite. E a quei ricordi le persone ancora si commuovono.

Marco Leti nasce il 9 settembre del 1974 e fino al 12 maggio 1979 era un bambino come tanti altri. In quella data infausta la vita del piccolo Marco e della sua famiglia era destinata a cambiare per sempre. Una fatalità e niente era più uguale a prima. Mentre il padre arava un campo con la motozappa, Marco si avvicinò incuriosito e in un attimo fu la tragedia. Il corpicino cadde all’indietro e finì tra i denti della motozappa.

Arrivato all’ospedale di Zagarolo Marco fu immediatamente sottoposto al primo lunghissimo intervento chirurgico, durato ben 12 ore, attraverso il quale i medici cercarono di ricucire le molteplici ferite interne ed esterne che il piccolo presentava sull’80% del corpo. L’incidente fu talmente grave che l’intervento venne ripreso con le telecamere per diventare oggetto di studio ed ancora oggi quel video viene utilizzato nelle conferenze mediche. Ma la disgrazia attirò vicino al piccolo Marco l’attenzione della stampa e di autorità religiose, come quella del Vescovo Emerito di Palestrina Mons. Spallanzani il quale disse di Marco “Lungo la via dolorosa della sua prima giovinezza, si è visto affiorare sempre più rigogliosa una forza di spirito davanti ad ogni difficoltà e una volontà decisa e costante nel superarle, trasformandole in occasioni vitali per una più completa realizzazione della sua personalità”.

Ma quello fu solo il primo di ben 67 interventi chirurgici che Marco Leti ha dovuto subire a partire da quel 12 maggio 1979.

Oggi Marco Leti è un bel ragazzo di 34 anni e, a dispetto delle previsioni, è alto e robusto. Tuttavia sotto i vestiti porta i segni di quella disgrazia. Marco è disabile con un grado di invalidità irreversibile del 100%, ma questo suo handicap non lo fa e non lo ha mai fatto sentire diverso dagli altri. Egli cammina a testa alta, fiero e consapevole di sé, come solo una persona che ha guardato la morte in faccia ed è sopravvissuto, può farlo. Oggi questi dolori non sono passati. Marco convive con il dolore da sempre, tutti i giorni, ed è talmente estenuante da togliere il fiato. Ma la sua disgrazia gli ha dato uno scopo: quello di aiutare gli altri, dando agli altri la speranza e la forza di andare avanti a dispetto di qualunque avversità perché la vita, per quanto possa essere amara, è anche dolce e riserva sempre qualcosa di buono.

Marco ha trascorso tanto di quel tempo negli ospedali da riconoscerli quasi come fossero una sua seconda casa e l’odore che si respira nelle corsie per lui è “odore di casa”. Quello che ha affrontato è stato enormemente grande, soprattutto rapportato alla sua età, ma lui ne ha tratto qualcosa di buono. Invece che scoraggiarsi, si è fatto forza e negli anni ha intrapreso un cammino che lo ha portato sempre di più vicino alla gente. Dopo gli studi classici, si è iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dove è diventato responsabile di tutti gli invalidi. A lui ad esempio si deve l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’installazione di pedane di accesso per le carrozzine. Tra i suoi progetti per l’avvenire c’è anche il matrimonio con la fidanzata.

Oggi si candida Consigliere nella lista del PDL ma gli obiettivi di Marco Leti e la sua voglia di aiutare gli altri non hanno colore politico e non finiranno al termine delle elezioni amministrative. Infatti, il suo costante impegno nel sociale, diretto alla tutela delle persone svantaggiate, dei disabili, delle famiglie, dei bambini, continuerà ad occuparlo anche nel futuro per cercare di donare a tutti più tutele, più diritti, più garanzie. Con il vostro sostegno, con la vostra fiducia, questo comune sogno si potrà realizzare.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: